EVIL MORTY: LO SPECCHIO DI RICK

Ormai prossimi all'arrivo in Italia della sesta stagione, mi sono finalmente deciso a parlare del personaggio che, più di tutti, è riuscito ad entrare nel mio cuore: Evil Morty.

In questo articolo cercherò di analizzare la sua figura e il ruolo che ricopre all'interno della scanzonata serie Rick and Morty.



CHI È EVIL MORTY?

Prima di entrare nell'aspetto filosofico del personaggio vorrei fare una ricostruzione storica del personaggio fin dalla sua prima apparizione.

Non sappiamo da quale linea temporale egli venga, ma siamo a conoscenza che la sua entrata in scena avviene durante il 10 episodio della prima stagione Incontri ravvicinati del Rick-tipo dove utilizza un Rick malvagio per uccidere altri Rick provenienti dal multiverso.

Successivamente lo ritroviamo nell'episodio 7 della terza stagione A Ricklantide dove diviene il capo della Cittadella (luogo dove vivono tutti i Rick e i Morty del multiverso) e ottiene un piccolo cameo nell'episodio 6 della quarta stagione La Morty-a Infinita. Infine lo incontriamo nell'ultimo episodio della quinta stagione Rickmurai Jack dove, finalmente, si scoprono le sue vere intenzioni, ovvero distruggere la Curva Finita Centrale (un multiverso finito dove Rick è l'essere più intelligente) e la Cittadella con tutti i Rick e Morty.



LO SPECCHIO

Fin da quando ho avuto modo di conoscerlo meglio nella terza stagione, ho sempre pensato che Evil Morty altro non fosse che la personificazione delle conseguenze delle azioni di Rick ed effettivamente dopo gli eventi nell'ultimo episodio non mi sono sbagliato così tanto.

Ho sempre percepito questo personaggio come uno specchio. Ma in filosofia che significato ha?

Nella cultura di massa ha assunto molti significati, in base all'epoca o all'uso. Ad esempio è spesso legato al tema del doppio, dell'universo alternativo o del mondo alla rovescia, della bellezza e della divinazione.

Ed è proprio sul tema del doppio che vorrei maggiormente concentrarmi, poiché il riflesso pone il soggetto davanti a un altro sé stesso. Lo specchiarsi diviene dunque l'occasione per riconoscersi, scorgere un dettaglio inatteso, persino disconoscersi.

Oltre ad essere un simbolo dell'inganno, della fugacità e della vanità, lo specchio rappresenta anche il loro contrario: verità, eternità, realtà.

Questa visione è collegata, probabilmente, alla trasparenza e limpidezza del vetro o del cristallo di cui esso è fatto. Un esempio è lo specchio magico di Biancaneve.

Evil Morty diviene uno specchio non solo per i protagonisti, evidenziando quanto Rick sia un fallito egocentrico e i Morty degli inetti ma destinati un giorno a diventare "cattivi", ma anche per noi spettatori perchè riesce finalmente a dare un senso logico ad una serie che, apparentemente, non ne aveva.

Grazie alla sua spiegazione trovano maggior senso episodi come Cetriolo Rick o Il vecchio e il water.



IN CONCLUSIONE

Questo personaggio ha ancora molto da raccontare e spero che la sesta stagione, che uscirà lunedì 5 settembre su Netflix, sia una nuova occasione per approfondirlo ulteriormente ma anche per comprendere come i protagonisti reagiranno dopo le conseguenze avvenute nella stagione precedente.

Ma voi cosa ne pensate? Scrivetelo nei commenti.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti