BATMAN: ANNO UNO

Nato dalla mente geniale di Frank Miller e dalla matita di David Mazzucchelli, questo arco narrativo DC ha l'importante compito di riscrivere le origini dell'Uomo Pipistrello, senza snaturare o cambiare il materiale originale di Bob Kane e Bill Finger.

DUE UOMINI


La storia inizia con l'arrivo e il ritorno dei due personaggi principali: James Gordon e Bruce Wayne.

Fin dalle prime pagine Frank Miller vuole farci capire quanto i due protagonisti siano l'uno lo specchio dell'altro: Se da un lato abbiamo un poliziotto incorruttibile che durante il giorno cerca di far valere la giustizia nei limiti della legge, dall'altro abbiamo un giustiziere che di notte affronta i criminali bypassando qualsiasi figura istituzionale.

Opportunamente parafrasato i personaggi incarnano il concetto di Yin e Yang dall'antica filosofia cinese, che afferma come questi due elementi, nonostante il loro essere opposti, siano interdipendenti e che l'uno contiene il seme dell'altro.

Infatti, in un passo specifico della storia, Gordon aggredisce con ferocia i colleghi che, poche pagine prima, lo avevano pestato e minacciato. Batman, invece, consegna alla giustizia i criminali che incontra durante la sua ronda.

Quello che Miller vuole raccontare non è la storia di superuomini inavvicinabili (non a caso cita Superman etichettandolo con uno dei suoi famosi epiteti) ma la storia di due uomini pieni di fragilità.

Grazie agli errori commessi da entrambi i personaggi, questi si rialzano e diventano sempre più consapevoli e capaci nel loro agire e che, come i fan più accaniti sapranno, lì porterà ad essere delle figure di spicco in una città senza speranza: Gotham City.



GOTHAM CITY: IL VERO NEMICO


Se poche righe sopra ho affermato che la città dove si svolgono le vicende sia senza speranza, vorrei inoltre aggiungere quanto in questo racconto Gotham City sia a tutti gli effetti il vero nemico.

A differenza di tante altre storie, dove Batman deve fronteggiare un qualche super criminale, qui deve relazionarsi con la città stessa, che logora le persone che vi abitano.

Con la nascita del crociato incappucciato, la città sembra quasi reagire alla sua presenza tanto da risultare quasi viva, capace di adattarsi ed evolversi.

Selina può essere paragonata ad una sua "incarnazione", tant'è che da prostituta decide di crearsi una nuova identità dopo aver visto Batman: Catwoman.

Altro esempio è il dialogo finale tra i due ormai amici, dove si annuncia l'arrivo della nemesi dell'Uomo Pipistrello, ovvero Joker.



IN CONCLUSIONE


Se amate le storie di Batman o volete approcciarvi per la prima volta al personaggio, non posso far altro che dirvi di recuperare o iniziare questo volume per avere un maggior quadro completo sul personaggio.

Ma voi cosa ne pensate? Vi piace il personaggio di Batman? Scrivetelo nei commenti.

74 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti