ALLA DERIVA: L'ADOLESCENZA SECONDO O'MALLEY

Alla Deriva (Lost at Sea) è una graphic novel scritta e disegnata nel 2003 da Bryan Lee O’Malley, noto, soprattutto, per la serie Scott Pilgrim da cui è stato tratto un film nel 2010.



Mille milioni di gatti

Raleigh ha diciott’anni, sogna mille milioni di gatti e non ha più lo straccio di un’anima. Gliel’ha rubata un gatto, per l’appunto, o almeno questo è ciò che racconterebbe alla gente se solo parlasse con qualcuno, ma il semplice pensiero di interagire con gli altri è per lei terrificante quasi quanto l’idea di scavalcare una staccionata.

Secondo Ari Derecin, filosofo del Novecento, l’adolescenza è quell’età nella quale si presentano le prime domande sulla condizione umana e sul mondo in generale. La situazione è complicata dall’alone degli affetti, nell’accezione psicoanalitica del termine, che circondano un tale interrogare e interrogarsi. È assai forte in questa fase il senso di un’intensa solitudine, vissuta come una ferita dell’io, per si cerca, senza trovarli, i rimedi che possano lenire la sofferenza che comporta. Si affaccia, tra l’altro, il sospetto che gli interrogativi siano destinati a restare senza risposta e, nel contempo, a ripresentarsi costantemente, giacché chiedersi “chi sono?”, “che cosa sono gli altri?”, “qual è il significato della realtà?”, equivale, quindi, a vivere o, meglio, a vedersi vivere, in quella sorta di riflessione sul proprio vivere quotidiano che, da Socrate in avanti, è la speculazione filosofica.

L’autore, tramite i suoi personaggi, riesce perfettamente a trasporre l’adolescenza senza risultare pesante o banale ma, anzi, permette al lettore di immedesimarsi completamente, ricordandoci i dilemmi esistenziali che tutti noi abbiamo avuto.



Il viaggio

La storia di Raleigh e dei suoi coetanei è principalmente ambientata in macchina, rendendo il viaggio la cornice di tutti gli avvenimenti all’interno dell’opera di O’Malley.

In filosofia il viaggio diviene un elemento di crescita ed è insito nella natura umana. Questo ha un punto d’inizio e di fine, sappiamo il perchè partiamo ma non la nostra meta. La crescita sta nel capire quando si è raggiunto il proprio obiettivo. Esaustive sono le parole di Montaigne:


A chi mi domanda perchè viaggio, rispondo che so bene da cosa fuggo. Ma non quello che sto cercando.

Alla Deriva, grazie ad una scrittura attenta e leggera, riesce a trattare temi molto profondi che tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo dovuto affrontare.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti